RASSEGNA STAMPA
24 Dicembre 2007Articolo con richiamo a DRIVE di KoalaGames su "Corriere.it"
Link
21 Settembre 2007Articolo su KoalaGames apparso sul portale "Virtualcar.it"
Link
20 Settembre 2007Articolo su KoalaGames apparso su "Repubblica.it"
Link
Gennaio 2007Nuovo articolo uscito su "La Repubblica" del 3 Gennaio su Bologna 3D, Ivan Venturi intervistato.
Archivio Foto
Dicembre 2006NOVITA' : inserita un nuova pagina con TUTTI I VIDEO dei nostri PRODOTTI
Link
10 Dicembre 2006BO3D - Bologna 3D ha avuto grande rilievo sulla stampa e ultimamente è stato oggetto anche di un importante servizio televisivo sul TG3 nazionale /rubrica NEAPOLIS.
Link
Link
19 Novembre 2006Presentato BICI - il videogioco della Mobilità Ciclabile - in occasione della Città dello Zecchino, a cura dell'Antoniano di Bologna, presso le Scuderie Bentivoglio.
Archivio Foto
Link
16 Novembre 2006Presentato BOLOGNA 3D - simulatore di Educazione Stradale, presso la sede della Polizia Municipale di Bologna. Grazie a Credibo, banca di credito cooperativo Bolognese, tutte le scuole di Bologna ricevono il cd-rom.
Archivio Foto
8-11 Novembre 2006Koala Games partecipa a Ecomondo nella Vetrina della Sostenibilità della Regione Emilia Romagna alla fiera Ecomondo - Rimini.
Archivio Foto
Settembre 2006Stretti accordi con APPLIDEA per la vendita dei prodotti del catalogo KOALAGAMES in Sardegna.
Link
Settembre 2006Stretto accordo con DEMEA Cultura per la vendita dei prodotti del catalogo KOALAGAMES in Lazio e Umbria. DEMEA CULTURA Via Nomentana 761 - 00137 Roma Telefono: 06 82084715 Fax: 06 82003445 e-mail: info@demeacultura.com
Link
Ottobre 2006NOVITA': è ora possibile acquistare licenze aggiuntive con sconti di oltre il 50% rispetto al normale prezzo di copertina!!!
Novembre 2006La Commissione INDIRE (Istituto Nazionale di Documentazione per l'Innovazione e la Ricerca Educativa (www.indire.it) e le scuole patner hanno giudicato DRIVE con il voto diOTTIMO
Link

Da Kataweb Motori (http://www.kwmotori.kataweb.it), 30/11/2004

Lezioni di patentino

Lezioni di patentino al Motorshow. La Promotor International, in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso l'operatività dell'Osservatorio per l'Educazione Stradale e la Sicurezza della Regione Emilia Romagna e del C.S.A di Bologna, realizza un corso per ottenere il certificato di idoneità alla guida del ciclomotore. Oltre alla pratica, ovvero le prove prodotto ed i corsi di guida sicura su due ruote dedicate ai giovanissimi, un ruolo fondamentale sarà assegnato alla teoria.

Il corso sarà riservato a 30 allievi minorenni di un istituto scolastico di Bologna e porterà all'acquisizione del patentino, dopo il completamento delle ore di corso necessarie, 12 in totale, suddivise in varie lezioni. I ragazzi saranno seguiti da tre istruttori esperti delle rispettive aree formative: norme di comportamento, segnaletica ed altre norme di circolazione, educazione e rispetto della legge. Il corso inizierà lunedì 6 dicembre e vedrà la presenza del Ministro Pietro Lunardi affiancato dagli istruttori del Ministero.

L'ultimo passo dell'esperienza consisterà nel superamento della prova teorica, della durata di trenta minuti, tramite questionario che attiene agli argomenti del programma ministeriale. Inoltre i giovanissimi si eserciteranno grazie anche al video-test "Drive", realizzato con l'Osservatorio per l'Educazione Stradale e la Sicurezza dell'Emilia Romagna.

Il patentino rimarrà a lungo d'attualità : attualmente è obbligatorio per i minorenni alla guida dei ciclomotori da 50cc, ma sarà indispensabile anche per i maggiorenni a partire dal 1° Luglio 2005. E proprio su questo tema giovedì 9 dicembre alle 10,30 presso il Centro Servizi Blocco D sala Nettuno il Centro Studi Promotor in collaborazione con l'Osservatorio per l'Educazione Stradale e la Sicurezza della Regione Emilia Romagna, realizzerà il convegno "Il patentino: sarà maggiorenne nel 2005?", dedicato a questo argomento.


Dal corriere della sera (www.corriere.it), 20/04/2004

«Scioccati» dai video di prevenzione degli incidenti

Educazione stradale: videogiocando si impara

Nella simulazione quando si urta un ostacolo si subiscono le conseguenze: si finisce anche tutta vita su una sedia a rotelle
Si chiama Drive ed è è il primo videogioco finalizzato a promuovere l'educazione e la sicurezza stradale nelle scuole italiane. Lo ha realizzato Koala Games, software house di Bologna, in collaborazione con l'Osservatorio per l'educazione stradale e la sicurezza dell'Emilia Romagna, che ne ha promosso l'adozione da parte di oltre 3 mila istituti superiori della regione.
«Il progetto», racconta Ivan Venturi, che ne ha curato ideazione, contenuti e grafica, «è nato circa un anno e mezzo fa. Realizzavo videogiochi da 17 anni, ma l'idea mi e venuta guardando i video scioccanti di incidenti d'auto con cui si fa prevenzione in Paesi come Gran Bretagna o Francia. Da subito ho pensato a un prodotto che sfruttasse elementi multimediali e peculiarità del videogame, contraddistinto da una forte componente didattica. Così ho preparato una dimostrazione insieme a Max Di Fraia, che ha realizzato la tecnologia 2D e 3D di Drive, e l'ho presentata all'Osservatorio, trovando immediatamente il sostegno della sua presidente, la dottoressa Emanuela Bergamini Vezzali».

REGOLE, ESAMI, GUIDA VIRTUALE - «Il gioco», prosegue Venturi, «è generico perché si rivolge indistintamente a enti, istituzioni e persone che hanno a cuore il problema: dalle regioni alle singole scuole, dalle polizie municipali fino a genitori e privati cittadini; specifico perché si sviluppa in diverse sezioni intese ad analizzare i diversi aspetti dell'educazione stradale». Il Cd-Rom contiene sei sezioni: le schede didattiche sull'educazione stradale, su argomenti come precedenza e segnaletica, il manuale della patente A e B con la simulazione dell'esame teorico, la verifica su strada in una città tridimensionale; e ancora, il manuale per il nuovo patentino per i ciclomotori, destinato a entrare in vigore il 1° luglio prossimo, la costruzione di una città , in cui poter sperimentare la guida, e la sezione dedicata a genitori ed educatori, intesa a far comprendere agli adulti il punto di vista dei bambini sui problemi della circolazione stradale. Tutti contenuti aggiornabili via Internet, in linea con le eventuali modifiche legislative e regolamentari. «La simulazione», spiega Venturi, «è il videogioco vero e proprio; la filosofia è che si può guidare la propria auto o motorino dove si vuole, ma a differenza dei comuni videogame di corse, qui quando si urta un ostacolo, se ne subiscono le conseguenze: non c'è soltanto una valutazione dei danni subiti dal veicolo e delle responsabilità , ma si visualizzano anche i danni fisici; il guidatore indisciplinato può finire, virtualmente, anche in sedia a rotelle per tutta la vita. A volte è questo l'unico modo per far comprendere le possibili ripercussioni di un comportamento indisciplinato".

UN PROGETTO DI SUCCESSO - «Da anni con l'Osservatorio», spiega Emanuela Bergamini Vezzali, che ha fornito la sua esperienza per la messa a punto dei contenuti di Drive, «abbiamo sviluppato programmi con le scuole per promuovere educazione e sicurezza sulle strade, utilizzando diversi linguaggi, come per esempio canzoni e spot pubblicitari. Abbiamo scelto il videogioco e il Cd-Rom perché ci sembrava il migliore dal punto di vista della comunicazione con i giovani, già abituati a utilizzare programmi interattivi come passatempo. Importante era avere anche un mezzo efficace e veloce per informarli sulle novità del codice, che obbligheranno anche i minorenni a conseguire il patentino per la guida dei ciclomotori a partire dal 1° luglio 2004. Ci sono circa 60 mila ragazzi interessati da questa novità nella sola Emilia Romagna; a loro abbiamo fatto avere il gioco, tramite le scuole. Abbiamo coinvolto anche le polizie municipali e già ci arrivano le prime telefonate di educatori e studenti che apprezzano l'iniziativa». Drive però non è indirizzato solo a enti e istituzioni - Koala Games è già in contatto, tra gli altri, con la Provincia di Vicenza e alcuni Comuni siciliani, interessati al gioco: «Chi volesse acquistarlo», sottolinea Venturi, «per esempio per educare i propri figli al corretto utilizzo del motorino o dell'automobile, può inviare un'e-mail all'indirizzo info@koalagames.it».

Marco Consoli


Da TGM Online (www.tgmonline.it), sezione news

Drive, il videogioco per l'educazione stradale


La Koala Games, una giovane società bolognese, in collaborazione con l'Osservatorio per L'Educazione Stradale e Sicurezza dell'Emilia Romagna e l'Assessorato Mobilità e Trasporti presenterà , nel corso della fiera del libro per ragazzi di Bologna, un videogame dedicato all'educazione stradale, intitolato Drive.

Il progetto, ideato per gli studenti delle scuole elementari medie e superiori, è finalizzato a portare nella scuola la cultura dell'educazione stradale e fare entrare la scuola, come protagonista, nel mondo dei videogiochi con finalità ludico/didattica.
L'idea è quella di fornire ai ragazzi gli strumenti necessari per acquisire un comportamento corretto nella guida, per istruirli sulle regole e per informarli sui reali pericoli della strada.

In buona sostanza, Drive è un gioco di corse che ricrea le condizioni di guida "normali", e le conseguenze (anche fisiche) derivanti da una guida non consapevole. Il cd-rom del prodotto contiene:


Schede didattiche sull'educazione stradale (6/13 anni), oltre 100 schede divise in 8 argomenti (precedenza segnaletica elementi della strada forze dell'ordine, bici e pedoni comportamento, sicurezza, veicoli)
Verifica su strada (6/10 anni) - un pedone una bici o uno scooter compiono un percorso nello scenario 3D, incontrando i diversi elementi della strada e richiamando così le schede didattiche a essi collegate e le eventuali verifiche relative. In questo modo il bambino può associare le nozioni sull'educazione stradale a una esperienza virtuale più facile da ricordare.
Manuale della patente e simulazione d'esame (13/18 anni) - Patente A e B, un manuale da 330 schede ipertestuali, completamente illustrato in grafica 3D, con tutti i 7500 quiz ministeriali riprodotti fedelmente nella simulazione d'esame indispensabile per chi si sta preparando alla prova teorica.
Manuale ipertestuale da 340 schede ipertestuali per il patentino.
Simulazione di guida vera e propria (10/18 anni) - si sceglie il veicolo; se usare la cintura e l'airbag o no; il tipo di casco da usare o se non usarlo affatto. Si sceglie lo scenario e si inizia la simulazione 3D (strade case segnali traffico), nella quale se si commette un'infrazione vengono tolti punti dalla patente finchè essa non viene sospesa.
Costruzione della città - è possibile costruire una città intera e personalizzata con palazzi, strade, semafori, doppi sensi, sensi unici, motocicli, pedoni e quant'altro
Sezione per i genitori - contiene schede grafico testuali dedicate ai cosiddetti "grandi", insegnanti, genitori e tutor ma più in generale agli automobilisti e motociclisti adulti. Ci sono molte cose da sapere sui piccoli abitanti della strada, cose che spesso i grandi dimenticano.

Di Claudio 'keiser' Todeschini


Da Segretariato Sociale (www.segretariatosociale.it)

Drive
Il videogioco per l'educazione stradale.

Si chiama Drive il videogioco che ha come obiettivo l’educazione alla sicurezza stradale presentato recentemente alla Fiera del Libro di Bologna.

L’iniziativa è della Koala Games con la collaborazione dell’Osservatorio per la Sicurezza Stradale e l’educazione e dell’Assessorato Mobilità e Trasporti dell’
Emilia Romagna ed è uno strumento aggiornato e completo per l’insegnamento dell’educazione stradale che dall’anno prossimo entra a pieno titolo tra le materie obbligatorie scolastiche. Infatti con la legge Moratti oltre le ore curriculari previste per l’educazione stradale, le scuole dovranno attrezzarsi tempestivamente per le ore di formazione al conseguimento obbligatorio del Patentino. Le ore previste per la formazione, che oscillano da 8 a 12 per l’intero anno scolastico, non saranno sufficienti per preparare il ragazzo alla prova finale, occorrono pertanto strumenti efficaci e d’impatto immediato.

Drive è caratterizzato da diverse sezioni – spiegano i promotori - che contengono il manuale completo dei quiz ministeriali aggiornati per patente e patentino, le regole di comportamento dei pedoni dei ciclisti e la simulazione di guida in 3D nonché dell’esame teorico, la costruzione della città e una sezione dedicata ai genitori.

Uno degli obiettivi dell’iniziativa è “il non trascurare i dettagli anche duri di una realtà italiana e mondiale per sensibilizzare i giovani agli eventuali rischi di una guida senza regole e incosciente”.

Il cd-rom comprende diverse sezioni: schede didattiche, argomenti come precedenza e segnaletica, il manuale della patente A e B e una verifica pratica all’interno di una città tridimensionale.

Nella simulazione di guida in caso di incidente si diventa paralizzati – spiegano ancora i due promotori – il cd rom contiene tutti i dettagli di cosa un incidente può causare e 50 tipi di conseguenze di un incidente stradale. La scelta del linguaggio diretto è “un’opzione strategica nata da uno studio accurato attraverso i messaggi pubblicitari e gli spot televisivi europei”.


Da Associazioni in Salute (http://www.associazioniinsalute.it)

Drive, la sicurezza in gioco

Il gioco come strumento educativo; questo il principio su cui si basa Drive, videogioco creato dalla Koala Games per promuovere la sicurezza stradale



Nel corso della recente Fiera del Libro per ragazzi di Bologna l’Osservatorio per la sicurezza Stradale e la Koala Games hanno presentato un videogioco che ha come obiettivo educare i giovani alla sicurezza sulle strade. All’iniziativa ha collaborato anche l’Assessorato Mobilità e Trasporti dell’Emilia Romagna, nell’intento di creare uno strumento aggiornato e completo per l’insegnamento dell’educazione stradale che dall’anno prossimo entra a pieno titolo tra le materie obbligatorie scolastiche.

Autori del cd rom sono Ivan Venturi e Max Di Fraia che hanno creato un gioco caratterizzato da diverse sezioni che contengono il manuale completo dei quiz ministeriali aggiornati per patente e patentino, le regole di comportamento dei pedoni e dei ciclisti e la simulazione di guida in 3D e dell’esame teorico, la costruzione della città e una sezione dedicata ai genitori.

Uno degli obiettivi dell’iniziativa è “il non trascurare i dettagli anche duri di una realtà italiana e mondiale per sensibilizzare i giovani agli eventuali rischi di una guida senza regole e incosciente”. Il cd-rom è diviso in varie unità : schede didattiche, argomenti come precedenza e segnaletica, il manuale della patente A e B e una verifica pratica all’interno di una città tridimensionale.

“Nella simulazione di guida in caso di incidente si diventa paralizzati”, spiegano i due promotori “il cd rom contiene tutti i dettagli di cosa un incidente può causare e 50 tipi di conseguenze di un incidente stradale. La scelta del linguaggio diretto è un’opzione strategica nata da uno studio accurato attraverso i messaggi pubblicitari e gli spot televisivi europei”.


Torna alla home page