Appunti e memorie di Ivan Venturi

Fare Videogiochi

 

Scritto daIvan Venturi il 04/04/2011 in Senza categoria con Nessun commento


Cari tutti, grazie ai preziosissimi amici di CROSSING TV, web-tv qui di BO, è possibile rivedere le nostre (brutte) facce durante la giornata dello Svilupparty!

http://www.crossingtv.it/video/extravisioni/espisodio-219-svilupparty

Ci si vede un po’ tutti

Purtroppo i ragazzi di Crossing TV ci sono stati solo alla mattina, quindi le riprese sono solo della parte ‘frontale’, cioè degli interventi, e non della parte pomeridiana più densa di lavori e meraviglie digitali varie.

Ma direi che il meglio è qui.

Olè!

Saludos!

Scritto daIvan Venturi il 14/03/2011 in Senza categoria con Nessun commento


Carissimi tutti,

allego link per passare alla rassegna fotografica dello Svilupparty (da mattina avanzata in poi) realizzata da Gianluca di Ready64, che ringrazio mille volte per la millesima volta per aver immortalato così professionalmente l’evento.

http://ready64.it/museo/visualizza.php?directory=svilupparty_2011
Saludos!

Bookmark and Share

Scritto daIvan Venturi il 08/03/2011 in Senza categoria con 7 Commenti


Ebbene, lo Svilupparty è stato uno spasso. Denso e ricco, ma bello rilassato come ci aspettavamo che fosse. Occasione per conoscere tanta gente personalmente (ho avuto il piacere di fare tante chiacchiere con Bonaventura Di Bello. Particolarmente interessante: non mi capita spesso di parlare con qualcuno che programmava avventure testuali prima di me!!! E poi a un certo punto gli ho chiesto “Adesso che fai di bello?”. Io uso spesso questo modo di chiedere come va, cioè ‘cosa fai ‘di bello’. Ma, chiedendolo a Bonaventura, che di cognome fa Di Bello, poteva anche essere “Adesso che fai Di Bello?”)

Non so da che parte cominciare. Ho visto tante di quelle cose, parlato così tanto (e anche trottato come una trottola tutto il giorno per far sì che tutti potessere godersi la giornata), che ancora oggi, martedì, sono con la testa a sabato. Ricevo e scrivo mail di continuo (non è vero: diciamo una ogni mezz’ora/ora) di gente che c’era o ci sarà o ci sarebbe voluta essere, eccetera. Tutti sono rimasti contenti.

Anche mia figlia, che però ora vuole assolutamente che gli procuri il gioco di Spin Vector, di Giovanni Caturano, di Ciro il dinosaurino. Devo sentire Giovanni… altrimenti non verrò più lasciato in pace.

Tutte le cose presentate erano interessanti. Alcune amatoriali, altre professionali. Ho visto con grandissimo piacere parlare tra loro delle persone che altrimenti difficilmente si sarebbero conosciute. Chissà che non nascano nuove collaborazioni, nuove imprese, nuove idee.

Foto di Robert Grechi -Retrogaming Planet

Sto registrando, nei contatti post-svilupparty, vari suggerimenti per la prossima edizione (ARRIVEDERCI TRA UN ANNO, e OGNI ANNO). Sempre che non si organizzi anche qualcosa prima. Di sicuro tutti sentono l’esigenza di continuare a rimanere in collegamento ‘umano’, di rivedersi. O di usare l’occasione per vedersi, come i ragazzi di Quiet Eater (Carnefriska: grazie ancora per il vinello salentino!) che si sono visti la prima volta proprio allo Svilupparty.

E’ passato pure uno dei miei soci senior del Gruppo Armonia, quasi a sorpresa, ed è rimasto colpito da tanto fermento, dall’atmosfera che si respirava, palpabile, piena di creatività e di determinazione, e allo stesso tempo di rilassatezza e, diciamolo, amicizia.
Questa per me è stata una grandissima soddisfazione.

Concludo il post con alcune note:

- mi darò da fare nei prossimi tempi (diciamo entro qualche settimana) per far sì che il sito Svilupparty.it diventi lo strumento di servizio per contenere tutti i riferimenti di tutti, in modo che sia facile per tutti ritrovarsi. Inoltre, per tenere on-line una vetrina di TUTTI i progetti made-in-Italy, dalle cose più piccole a quelle più grandi, per colmare l’esigenza soprattutto dei team piccoli o neonati di mostrare il proprio lavoro e attraverso di esso entrare in un circuito di connessioni eccetera. E ovviamente per programmare la prossima edizione di Svilupparty.

Foto di Gianluca di Ready64

- mi chiedono in vari, per la prossima edizione, di organizzare un panel sul fare impresa coi videogiochi. Anzi, come funziona in soldoni. C’è una grossa, passatemi il termine, ignoranza sia sulle basi di impresa (sas? snc? individuale? studio associato? srl) che sulla conduzione della stessa, sul come si fanno i conti e come si misura e controlla la propria attività. 

Quest’ultima parte non sarà semplice da fare tramite sito o brevi incontri, dato che si tratta di formazione d’impresa vera e propria e richiede molta applicazione, lavoro, e un bel po’ di ore anche solo per affrontare i temi più elementari.

Però è assolutamente necessaria.

Concludo il post dato che l’orologio fa tic-tac e il mio datore di lavoro (io) mi sta già guardando male. Ma torneremo sopra allo Svilupparty coi prossimi post. 

NOTA DI SERVIZIO: chi avesse bisogno di contatti o di qualsiasi altra cosa, mi scriva a ivan@koalagames.it, l’aiuterò come posso.

Saludos!

Bookmark and Share

Scritto daIvan Venturi il 02/03/2011 in Senza categoria con Nessun commento


…vi assicuro che è incredibile. Pensavo di avere una vaga conoscenza del mondo dello sviluppo italiano, e ogni giorno che passa mi rendo conto che non è così, dato che vengo a sapere giorno dopo giorno di realtà magari piccole ma straordinarie. Vedasi BitPot, che saranno (OLE’!) presenti allo Svilupparty con le loro produzioni.

BitPot

Insomma: ci vuole davvero lo Svilupparty per dar modo a tutti noi e non solo di conoscerci e renderci conto della forza creativa/tecnica/produttiva complessiva che rappresentiamo e che potrammo rappresentare!

Allego di seguito le note che mi manda via mail Cesare Sassoli (che il collaborazione col grafico senior Patrizio -è il nome proprio, non è un ulteriore aggettivo romanico per definirne la nobiltà- fa parte di BitPot):

Attualmente, abbiamo rilasciato solo un gioco flash pilota distribuito sul network mochimedia:
il link sul nostro sito è questo, ma non è stato formattato ancora la pagina, è tra le prossime priorità dare un aspetto da portale alle pagine dei game:
si può trovare su moltissimi portali di giochi della rete mochi ad esempio:
 
Salva il mondo! fai un salto indietro nel tempo e sconfiggi tutti gli alieni! Cattura tutte le ruote d’oro ed evita le pericolose sfere aliene senza precitare!
  
 
Controlli: solo il tasto sx del mouse. 
  
 
Come puoi notare il gameplay è davvero minimale, ma è il risultato è intrigante con manovre spettacolari per catturare le ruote d’oro.
abbiamo cercato di creare una atmosfera di fantascienza retrò.
Proprio in questo periodo stiamo ultimando un gioco che spero di poter presentare allo svilupparty.
 
Saludos!

Scritto daIvan Venturi il 02/03/2011 in Senza categoria con Nessun commento


ore 10:30 Saluto e introduzione di Andrea Dresseno dell’Archivio Videoludico

ore 10:45 Ivan Venturi/Riccardo Cangini/Alessio Falsetti/Adrian Bizzocco/Federico Cinelli/Giovanni Caturano e tutti quelli che ci saranno: Benvenuti Sviluppartysti!

  • spiegazione dello svolgimento della mattina e del pomeriggio; presentazione di tutti i presenti (almeno quelli conosciuti)
  • insieme a Cangini di Artematica, Falsetti di Imagimotion, Caturano di SPin Vector, Bizzoco e Cinelli di Adventure’s Planet, e gli altri che ci saranno, la situazione dello sviluppo dei videogiochi in Italia

ore 11:15 Federico Cinelli-Adventure’s Planet: vita di videogiochi – l’esperienza di Adventure’s Planet

  • cosa sta facendo Adventure’s Planet
  • panel sulla produzione degli adventure in Italia

ore 11:45 GeekGirlsDinner-KitchenCoop: vita di videogiochi – i videogiochi sviluppati dalle donne

  • presentazione videogioco Migragames
  • perchè i videogiochi sono sviluppati quasi esclusivamente da uomini? E soprattutto, come sarebbero, o saranno (speriamo) i videogiochi ideati e sviluppati dalle donne?

ore 12:30 Evil Studio: vita da Indie – l’esperienza, pro e contro, di uno storico gruppo Indie

  • ragazzi, fate questo, non fate quello. Esperienze di vita vissuta
  • presentazione del videogioco in corso di realizzazione
  • DOT: il videogioco indie vincitore del contest di Indievault

ore 13:00 PRANZO – chi vuole. Chi non vuole, non pranza e fa quello che gli pare. Cmq c’è il Mercato equosolidale proprio nel cortile, con oltre 20 contadini e produttori che vendono salami pane porchetta eccetera

ore 14:00 Ready 64: supermegaidee dei vecchi videogiochi.

  • rapido excursus su vecchi videogiochi contenenti idee (un po’) stratosferiche, pronte a essere riutilizzate o utili a ispirarne di nuove

A seguire, durante la fase di cazzeggio libero, in ordine variabile e sparso (non ce la faremo mai a fare tutto in tempo… ci proviamo!), ci saranno vari interventi, di cui:

  • presentazione Ciro e altro di Spin Vector, Giovanni Caturano
  • presentazione videogiochi Simple Racing e Ancient Quest di MNZ Games
  • presentazioni videogioco Madness Fantasy di Maniak Games
  • presentazione DPStudio di Davide Pensato – servizi per videogiochi
  • presentazione Double Jungle – Paolo Giacomello. Racconto del Global Game Jam
  • presentazione Good Games di Riccardo Cangini, Artematica
  • presentazione The Invisible Hand, Koala Games
  • presentazione lavoro e attività di 10th Art Studio
  • presentazione videogioco Beargo di Imagimotion
  • …altre cose ancora non confermate; altre cose che potrebbero saltare fuori il giorno stesso.

NOTA SUI TEMPI: se riusciamo a stare più stretti,  meglio…

NOTA SULLE PRESENTAZIONI AL POMERIGGIO: si raccomanda ai vari oratori di parlare forte, dato che ci sarà un gran casino (cazzeggio libero), nonchè l’8-bit DJ set. Quindi consiglio presentazioni raccolte, col pubblico interessato vicino all’oratore, in modo da non avere bisogno di amplificazione, e in modo da riuscire a fare tutte le chiacchiere oratore-ascoltatori più facilmente e interattivamente possibile.

IL PROGRAMMA DEFINITIVO AL 110% DELLO SVILUPPARTY SARA’ DISPONIBILE SOLO A SVILUPPARTY CONCLUSO (solo allora sapremo con certezza cosa sarà saltato fuori!).

Se qualcosa non vi torna fatemelo sapere, che siamo in tempo ad aggiustare fino a 1 minuto prima dell’inizio dello Svilupparty

Bookmark and Share

Nel 1987 ho fatto il primo videogioco della Simulmondo, prima software house italiana. Da allora ne ho fatti altre migliaia.
Dalla fine del millennio scorso faccio videogiochi educativi ed ora anche simulatori di guida e avventure di inquisitori medievali.
Poi nel 2003 ho fondato Koala Games, ora diventatata TIconBLU. E mi occupo di un bel po' di altre cose videoludiche varie.
E...VIVA I VIDEOGIOCHI ITALIANI!