Appunti e memorie di Ivan Venturi

Fare Videogiochi

 
 

Scritto da Ivan Venturi il 06/11/2011 in Senza categoria con 2 Commenti


Cominciamo con il link al video-miscellaneo dei trailer delle aziende sviluppatrici di AESVI4DEV, rigorosamente in ordine alfabetico.

http://www.gamesweek.it/Video/game-developers-in-italy.aspx?mid=51

Tutta robetta di un certo livello (oltre al ‘solito’ altissimo livello di Milestone e Ubisoft, che ricordiamo essere ben diverse -e più grosse, aziende con 40-80 persone interne): devo dire che visti tutti assieme fanno un certo effetto.

Questa era l’introduzione della conferenza degli sviluppatori di videogiochi italiani, diretta da un abbronzatissimo (come mi ha confessato, era appena rientrato da una vacanza di un’ora circa dall’isola Lampados) Riccardo Meggiato.
Poi c’è stata la parte degli istituti di formazione, dove ho parlato io per primo in quanto rappresentante della Bottega Finzioni (uno dei vari cappelli che mi metto!).

La fiera era costituita da un padiglione, zeppo di suoni (altissimi, quasi insopportabili, non so come hanno fatto tutti quelli obbligati a passare l’intera giornata lì dentro… peggio del MotorShow!) luci colori standiste modelle cosplayer eccetera. Oltre ovviamente alle supermega produzioni mainstream. Che ho guardato di sguincio. Non è il mondo videoludico che mi interessa. A parte il bellissimo Rabbids prodotto al 50% dalla UbiSoft Italia, dal nostro Dario Migliavacca (grande professionista) e team. 

Ma tutto il tempo extra-conferenze l’ho passato SOPRA. Nell’area Indievault. Ed è stato uno spasso. L’area era sistemata nel corridoio in alto, praticamente passaggio obbligato per scendere di sotto, e quindi un tantino isolata dal casino supersonico sottostante.

E c’erano tantisssssssssimerrimi amici & colleghi, insomma comediavolovogliamochiamarci, sviluppatori professionisti, indie, eccetera. Un po’ la stessa aria dello Svilupparty e degli aperitivi IndieDev che si tengono a Milano più o meno mensilmente. C’erano: SantaRagione, PAolo Taje (Blood Monkeys), Mattia di MATTX (mi sembra: il gioco si chiama One and One adventures); A Little Bit; Magic Dream Games con il giocondo e sempre iperenergico Luciano Mattioli, una delle poche persone al mondo che parla più di me, Just Funny Games (che si erano addirittura portati la standista in hotshort!!!), Vincenzo Lettera di Indievault; Studio Evil con il pazzesco Sider (oltre che difficilissimo da giocare. Un indiegame da hardcore gamer); con la versione ‘light’ in grafica pixellosa da Mattioli di Magic Dream Games). SPero di  non aver dimenticato nessuno… se così fosse, me ne scuso!

Non ho fatto nessuna foto, ma sicuramente non ne mancheranno (certo che potevo fare almeno un paio di foto, subcerebrato che non sono altro).

Poi c’era la fantastica Thalita Malagò di AESVI, segretaria generale, incazzata nera con gli scorbuticissimi (e anche un po’ -molto- stronzi) organizzatori, e le altrettanto fantastiche Ilaria e Chiara.

Fuori pioveva a dirotto, nel frattempo Genova subiva l’alluvione, io sono arrivato a casa alle 10 di sera senza neanche essermi bagnato troppo, il treno che miracolosamente nonostante le mille cancellazioni non ha subito grossi ritardi.

Giornata quindi estremamente divertente (se non penso a Genova, naturalmente), occasione per rivedere un bel po’ di amici in una volta sola e fare chiacchiere professionali/cazzeggianti in pace.

Un sacco di gente in gamba. Ma devo anche dire che vedo una sorta di disorientamento professionale pari al talento tecnico-creativo dimostrato da tutti i prodotti. Serve che (quasi) tutti, diciamo molti, mettano meglio a fuoco il prodotto che vogliono fare, per chi lo vogliono fare, evitando di costruirlo con limiti intrinseci poi difficilmente modificabili, che renderanno il prodotto-videogioco male targettizzato, difficile da promocomunicare e far conoscere, difficile da distribuire, difficile da prezzare. C’è tanto lavoro da fare. Ma non è (o non completamente) alla tastiera del computer.

Saludos!

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

  1. REUNION SIMULMONDO: the day (week) after
  2. Rieccoci!.. Indiedev ape in Milan!
  3. RIECCOCI!
  4. RIECCOCI SUI FINANZIAMENTI

2 Responses to GAMES WEEK… rieccoci qui!

  1. MaTX

    18/11/2011 - 21:46
    1

    Ciao Ivan, grazie mille della segnalazione! (Scusa se la noto così in ritardo.. mi sto leggendo tutto il blog :D )

    Vorrei solo segnalare che il nickname è “MaTX” (con una T :D ) e il gioco si chiama “One and One Story”. Detto questo, ti ringrazio ancora molto e non vedo l’ora di provare il tuo prossimo gioco!

  2. Ivan Venturi

    18/11/2011 - 22:19
    2

    Opppps scusa il refuso! Sai com’e'… l’eta’!
    Avanti tutta MaTX!!!!

Leave a Reply

No trackbacks yet.

Posts with similar tags

No post with similar tags yet.

Posts in similar categories

Nel 1987 ho fatto il primo videogioco della Simulmondo, prima software house italiana. Da allora ne ho fatti altre migliaia.
Dalla fine del millennio scorso faccio videogiochi educativi ed ora anche simulatori di guida e avventure di inquisitori medievali.
Poi nel 2003 ho fondato Koala Games, ora diventatata TIconBLU. E mi occupo di un bel po' di altre cose videoludiche varie.
E...VIVA I VIDEOGIOCHI ITALIANI!