Appunti e memorie di Ivan Venturi

Fare Videogiochi

 
 

Scritto da Ivan Venturi il 12/10/2011 in Senza categoria con Nessun commento


Ciao a tutti!

il 22 ottobre 2011 alle 14:30, alla Sala Gino Cervi, presso la Cineteca di Bologna, via Riva Reno 72, si terrà un seminario gratuito della Bottega Finzioni su:

1) sceneggiatura/produzione di videogiochi – a cura di me, cioè Ivan Venturi

2) sceneggiatura per fumetti – a cura di Hamelin

Nella mia parte, mostrerò il primo atto del primo videogioco di Nicolas Eymerich l’inquisitore, e mostrerò, commentando e spiegano, i relativi materiali di lavoro, per meglio spiegare come si è svolta l’attività di ideazione, sceneggiatura e produzione dell’opera. Comprendendo quanto costa fare cosa, quanto siamo diventati matti a fare questa e quella cosa eccetera.

Un sacco di roba da vedere, alcune cose in prima visione mondiale assoluta.
Un assaggio di quello che si farà durante l’anno di corso di sceneggiatura per videogiochi della Bottega Finzioni.
Iscrizioni aperte fino al 19 novembre. 40 candidati massimo per la selezione, 20 posti disponibili. Di cui 4 borse di studio.

Poi io rimango naturalmente nei paraggi fino a sera, per chi avesse bisogno di fare due chiacchiere di approfondimenti.

Saludos!

 

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

  1. Corso di sceneggiatura per videogiochi
  2. BOTTEGA FINZIONI – corsi di sceneggiatura per videogiochi a Bologna
  3. SCENEGGIATURA per VIDEOGIOCHI: una premessa e due brevi considerazioni
  4. PIANIFICARE LA PRODUZIONE SI o NO?
  5. SEMINARI SUL FARE VIDEOGIOCHI

Leave a Reply

No trackbacks yet.

Posts with similar tags

No post with similar tags yet.

Posts in similar categories

Nel 1987 ho fatto il primo videogioco della Simulmondo, prima software house italiana. Da allora ne ho fatti altre migliaia.
Dalla fine del millennio scorso faccio videogiochi educativi ed ora anche simulatori di guida e avventure di inquisitori medievali.
Poi nel 2003 ho fondato Koala Games, ora diventatata TIconBLU. E mi occupo di un bel po' di altre cose videoludiche varie.
E...VIVA I VIDEOGIOCHI ITALIANI!