Appunti e memorie di Ivan Venturi

Fare Videogiochi

 
 

Scritto da Ivan Venturi il 16/08/2011 in Senza categoria con 3 Commenti


Le problematiche dei browser web sono tra le principali cause di stress degli sviluppatori di giochi web (ituizione geniale) e degli ornopitechi neozelandesi (di cui si vede un esemplare in foto)

Le problematiche dei browser web sono tra le principali cause di stress degli sviluppatori di giochi web (intuizione geniale, bravo) e degli ornopitechi neozelandesi (di cui si vede un esemplare adulto in foto)

Mai come negli ultimi mesi sono impazzito con WordPress! Quanti malesseri, quante imprecazioni verso svariati pantheon di diverse religioni diverse!!!

Quante bozze perse, quanti minuti persi inutilmente ad aspettare che caricasse un’immagine, che poi una volta caricata mandava in palla tutto quanto (e addio testo, anche pur avendo fatto ‘salva fucking bozza’)

Ma c’è anche un perchè: cambiato computer, cambiato versione sistema operativo, cambiato fucking broswer, ed ecco svelato l’arcano: la versione di wordpress che usavo faceva a cazzotti con quella versione di browser. Ci ho messo giornate per capirlo… tutto perchè ero talmente pigro da non cliccare l’invitante tastino Clicca qui per updatare la tua vecchiosissima versione di WordPress.

Insomma: come per i giochi web bisogna fare i test sui vari broser, nelle varie versioni, sui vari sistemi operativi (incrociando tutte le possibilità… avete idea di quante sono? un FOTTIO -con l’accento sulla ‘I’), anche per pubblicare i propri post.

Quindi, traendo un insegnamen to da quanto sopra, se fate un browser game o qualcosa funzionante attraverso il browser, mettete in preventivo una noiosissima e dispendiosissima (bisogna trovare tutti i sistemi operativi, tutte le varie versioni, tutte le possibili principali configurazioni di pc e mac… MI VIENE GIA’ MALE!) e fare tutte le prove del caso.

Oppure farlo solo per un range limitato e ben scelto di possibilità e poi fare una versione beta e chiedere agli utenti di far sapere eventuali malfunzionamenti. Può andar bene se avete gli utenti, naturalmente… ma dal momento che non è facile avere utenti anche per i propri lavori in versione definitiva, potrebbe non essere la via più semplice.

Comunque: OKKIO AI COSTI DI COLLAUDO SU BROWSER

Saludos!

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

  1. VARIE ED EVENTUALI tra F451 e FG2011

3 Responses to FUCKING WORDPR… ehm! Attenzione a collaudare sui vari browser nelle varie versioni sui vari sistemi operativi

  1. lorenzo

    21/08/2011 - 21:47
    1

    mah, per come la vedo io basta che lo testi con 3 (tre) browser: l’ultimo IExplorer, l’ultimo Firefox e l’ultimo Chrome (o Opera).
    Il resto dell’utenza si arrangi se non è aggiornato, chi usa Win98 con Netscape 4.73 non può pretendere proprio nulla..

  2. Ivan Venturi

    22/08/2011 - 09:01
    2

    Dipende cosa devi fare, purtroppo. Se il tuo target è un pubblico di non-gamers, magari di utenti che usano (per piacere o per dovere) il computer senza raggiungere un certo livello di conoscenze tecniche (come la maggior parte degli insegnanti – che sono i principali utilizzatori dei videogiochi educativi e applicazioni didattiche che realizziamo), il rischio -anzi la certezza- è che il malfunzionamento derivante dalla non perfeta compatibilità sia giudicato coe un problema generato dal software. E se questo succede, anche se la ‘colpa’ è dell’utente e della sua ‘ignoranza’, l’utente è perso e il prodotto non venduto.
    E’ quindi secondo me una scelta da fare in base al target. Tanto più lo si vuole ampio, tanto più bisogna essere retrocompatibili.

    Saludos!

  3. lorenzo

    22/08/2011 - 18:10
    3

    Va bene, basta indicare sul prodotto i requisiti minimi per il funzionamento.. tra l’altro i browser sono scaricabili liberissimamente, quindi non c’è neanche la scusa della licenza, e penso che se il pubblico viene educato capisce che non è ragionevole usare un programma risalente a 10 anni fa e pretendere che funzioni con le risorse di oggi.
    Credo che se le cose vengano spiegate al livello di chi deve capire i risultati ci siano.

Leave a Reply

No trackbacks yet.

Posts with similar tags

No post with similar tags yet.

Posts in similar categories

Nel 1987 ho fatto il primo videogioco della Simulmondo, prima software house italiana. Da allora ne ho fatti altre migliaia.
Dalla fine del millennio scorso faccio videogiochi educativi ed ora anche simulatori di guida e avventure di inquisitori medievali.
Poi nel 2003 ho fondato Koala Games, ora diventatata TIconBLU. E mi occupo di un bel po' di altre cose videoludiche varie.
E...VIVA I VIDEOGIOCHI ITALIANI!