Appunti e memorie di Ivan Venturi

Fare Videogiochi

 
 

Scritto da Ivan Venturi il 28/11/2010 in evangelisti, eymerich con 5 Commenti


E’ finalmente uscito Rex Tremendae Maiestatis, l’ultimo capitolo della saga di Eymerich, di Valerio Evangelisti. ‘Finalmente’ forse non è appropriato, dato che questo è l’ultimo libro della saga… cosa che non può non spezzare cuore e ventricoli ai tanti appassionati lettori e sudditi dell’Inquisitore (tra i quali annovero il sottoscritto).

Però ‘finalmente’ ci sta, dato che Eymerich è sempre Eymerich e sinceramente non vedevo l’ora di leggermi un nuovo capitolo. Specialmente questo, che Valerio ha scritto nel periodo in cui è stato male, molto male, e dove non era sicura neppure la sopravvivenza (che fortunatamente, ringraziando tutte le divinità delle varie religioni, è stata raggiunta e garantita, grazie a una pesantissima cura chemioterapica).

Il libro è uscito il 23 novembre 2010, giorno in cui Valerio lo ha presentato alla Libreria Feltrinelli (io c’ero, ovviamente, insieme a vari altri ‘listaroli’ di Eymetich – perchè dovete sapere che da ormai dieci anni esiste una mailing list di Eymerich che è una vera e propria comunità, che tra l’altro si riunisce, sotto l’egida del Magister, cioè Evangelisti, in raduno in amene località, l’ultima delle quali San Sepolcro ).

Il libro me lo sto centellinando, lo sto leggendo con la massima lentezza possibile, contrariamente alla mia normale ipervelocità di lettura. Fortunatamente, inoltre, è quasi 500 pagine, quindi la corrente vita parallela dell’Inquisitore verrà sostenuta per un periodo abbastanza lungo.

Eymerich dopo questo libro finisce la sua vita di carta stampata. Ma non quella virtuale. Valerio è infatti grande sostenitore del nostro progetto, e praticamente ci ha investiti (è quasi un plurale maiestatis…) dell’onore e dell’onere della rinnovata paternità del personaggio. Non sarà facile, visto l’enorme spessore di contenuti storici ed esoterici sempre presenti in ogni opera di Eymerich. Ma faremo quel che potremo, con la massima dedizione. Anche perchè fare il videogioco su Nicolas Eymerich è praticamente il sogno, l’ideale di chi volesse sviluppare adventure, e non solo: interactive novel. Qualcosa di nuovo. Che un personaggio unico come il carissimo bastardissimo inquisitore può permettere. 

Tornando al libro, direi che è STTTTTTTUPPPPPPPENDDDDO, sempre che vi piaccia la storia perfettamente ricostruita, lo spessore psicologico dei personaggi originale e amplissimo, le descrizioni sobrie ma perfette, le ricostruzioni precise storicamente al minimo dettaglio, quella continua sensazione di star sempre imparando qualcosa di nuovo. Ci sono vari piani temporali, uno dei quali è del piccolo Nicolas di 8 anni e dell’inizio della sua formazione spirituale e personale da parte del domenicano Dalmau Moner. Un altro è quello fantascientifico dell’anno 3000, con protagonista la psicopatica assassina Lilith. Difficile dire quale sia più bello.

Speriamo di riuscire ad essere all’altezza con la nostra miserrrima opera. Lode eterna al Magister!

Saludos!

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

  1. Presentazione 'Facciamo un videogioco!' stasera!

5 Responses to REX TREMENDAE MAIESTATIS

  1. Giovanni AKA Carnefrisca

    29/11/2010 - 16:45
    1

    ah…
    la mia ragazza mi ha raccontato dell’incontro a bologna con Evangelisti (mi spiace per Evangelisti, spero che ora sia tutto ok).
    Da quello che ho capito c’eri anche tu…
    Presentavi il videogame di Emerych?

    Ti confesso che il mio personaggio preferito di Evangelisti è Pantera :)

  2. Ivan Venturi

    29/11/2010 - 16:51
    2

    Pantera è in effetti strafiko… ma il vecchio bastardo inquisitore è condito da vari elementi che me lo fanno preferire di svariati anni-luce rispetto agli altri.
    Sì c’ero anch’io, ero in seconda fila tra un ‘fungo calorifero’ e un altro listarolo.
    Valerio ora sta meglio (dopo tutti i cicli di chemio). Però è stata una botta enorme, come ha raccontato lui stesso.

    No, non presentavo il videogioco, anche se quel giorno è uscito un articolo su Repubblica Bologna con mega foto del videogioco e citazioni varie.

    Saludos!

  3. Giovanni AKA Carnefrisca

    29/11/2010 - 16:58
    3

    infatti lo sospettavo dall’articolo su repubblica…
    ad ogni modo io il videogame non l’ho mai visto circolare.
    qualche modo per reperirlo?

  4. Ivan Venturi

    29/11/2010 - 17:00
    4

    per ora nessuno, dato che deve ancora uscire…

    ziao!

  5. Giovanni AKA Carnefrisca

    01/12/2010 - 16:50
    5

    LOL…
    attendo grandi cose…ho un buon ricordo delle avventure made in simulmondo.

Leave a Reply

No trackbacks yet.

Posts with similar tags

No post with similar tags yet.

Posts in similar categories

Nel 1987 ho fatto il primo videogioco della Simulmondo, prima software house italiana. Da allora ne ho fatti altre migliaia.
Dalla fine del millennio scorso faccio videogiochi educativi ed ora anche simulatori di guida e avventure di inquisitori medievali.
Poi nel 2003 ho fondato Koala Games, ora diventatata TIconBLU. E mi occupo di un bel po' di altre cose videoludiche varie.
E...VIVA I VIDEOGIOCHI ITALIANI!